Intervista a SE7TE

SE7TE

La cantante SE7TE parte da un piccolo paese in provincia di Catania per fare la gavetta musicale tra diversi concorsi e talent. Nel suo nome d’arte compare il suo numero fortunato, il sette che è significato su tanti aspetti.

In questa chiacchierata abbiamo parlato delle sue origini, delle sue esperienze musicali, del suo nuovo singolo Tanto non ci stai e molto altro!


Ciao e benvenuta! Tu arrivi da un piccolo paese in provincia di Catania. Cosa ti dà l’energia per portare la tua musica in vari concorsi per poter emergere da un piccolo contesto?

Ciao, grazie mille! Allora, io credo che l’energia arrivi dalla musica stessa. Questa ha sempre fatto parte della mia vita e solo con lei riesco a esprimere me stessa al 100%. Ho semplicemente la voglia di dire e di dare qualcosa di me attraverso i miei brani.

Canti da tutta la vita e hai partecipato a diversi concorsi, talent ed esperienze artistiche. Come ti hanno segnato tutte queste esperienze nel tuo percorso artistico?

Sicuramente tutte queste esperienze mi hanno insegnato qualcosa, ognuna qualcosa di diverso. Ho capito come funziona questo mondo, conosciuto tanta gente, ho capito che bisogna sempre mettersi in gioco anche se si è incerti del risultato, e che sicuramente c’è sempre tempo per imparare ancora una volta qualcosa di nuovo. A ogni nuova esperienza mi sentivo una persona diversa, con un pezzetto in più per costruire la mia carriera.

Il tuo nuovo singolo è Tanto non ci stai, descrivilo usando tre aggettivi.

Lo descriverei come un brano dolce, leggero e malinconico. Proprio per com’è strutturato il brano, sia l’arrangiamento che melodia e testo arrivano in maniera molto leggera, e io ho cercato con la mia voce di seguire questa linea dolce.

È un brano che può essere la storia d’amore tra due ragazzi ma anche un rapporto tra protagonista e una persona che non è più tra noi. Ma il focus rimane l’importanza del legame e dell’affetto tra i due. Cosa ti ha portato a creare una canzone del genere?

Ho spesso detto che è un brano che è uscito fuori in maniera molto spontanea, ed è una cosa che quando mi capita mi piace molto, perché significa che la canzone doveva essere semplicemente così. Sicuramente l’ho scritta in un periodo in cui avevo diversi pensieri e dubbi sull’amore, di cui tutti parliamo ma che poi forse non sappiamo neanche bene cosa significa; quindi ho voluto spiegarlo come mi sentivo di fare in quel momento.

SE7TE

L’emotività della tua voce si unisce perfettamente con le sonorità dolci del pianoforte. Come mai hai scelto proprio questo strumento musicale?

Il pianoforte è da sempre il mio strumento: lo suono fin da piccola, da quando a circa 12/13 anni ho iniziato con l’orchestra della mia scuola media. Mi siedo quasi sempre e inizio a vagare lì per comporre un brano, quindi per la spontaneità di cui parlavo prima, mi è venuto altrettanto spontaneo iniziare da lì.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

I progetti futuri restano quelli di far ascoltare nuovi brani. Sicuramente cercherò, come sto facendo anche adesso, di crescere sui social per far conoscere la mia voce a chi abbia voglia di farlo, e sicuramente a breve pubblicherò il mio secondo brano con la mia nuova identità SE7TE!


Segui SE7TE su
FacebookInstagram